Home » Cosa ne pensa la Corte dei Conti » Danno erariale, solo se si viola manifestamente una delle ipotesi tassative di inconferibilità Cosa ne pensa la Corte dei Conti

Danno erariale, solo se si viola manifestamente una delle ipotesi tassative di inconferibilità

01/06/2018 | |

Condividi questo articolo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Le ipotesi di incompatibilità ed inconferibilità per il conferimento di incarichi nelle PP.AA. sono tassative e devono essere interpretate restrittivamente, non essendo ammissibile una loro applicazione in via analogica.

Sussiste un danno erariale per la nomina di un direttore generale solamente qualora il soggetto nominato ricada in una chiara e conclamata ipotesi di incompatibilità od inconferibilità.


Lock_iconContenuto riservato agli utenti registrati.
Inserisci le tue credenziali per accedere ai contenuti protetti o crea un account.

Danno erariale, solo se si viola manifestamente una delle ipotesi tassative di inconferibilità ultima modidfica: 2018-06-01T19:04:46+00:00 da marcocomaschi

tags

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condividi questo articolo:
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

marcocomaschi

Avvocato del Foro di Genova, si occupa di diritto amministrativo e, in particolare, di concessioni ed appalti pubblici, servizi pubblici locali, organizzazione e funzionamento di enti locali, società a partecipazione pubblica e, più in generale, organismi di diritto pubblico. Presta inoltre assistenza legale innanzi alla Corte dei conti per giudizi pensionistici e di responsabilità amministrativo-contabile.

Moltocomuni