Pubblichiamo il link al testo delle Linee guida volte a consentire l’utilizzo del Sistema pubblico di identità digitale (SPID) nella firma autografa dei documenti online, su cui si è chiusa lo scorso 28 dicembre la consultazione pubblica avviata dall’Agenzia per l’Italia digitale.

Con SPID i cittadini potranno sottoscrivere atti e contratti on line utilizzando un solo strumento, avente lo stesso valore giuridico della firma autografa.

Il sistema potrà essere utilizzato sia dai fornitori di servizi privati sia dalle Pubbliche Amministrazioni e permetterà di sostituire la firma autografa nella quasi totalità dei casi.

Come sottolineato dall’Agenzia, si realizza così un sistema che consente la completa dematerializzazione dei documenti anche quando sono coinvolti soggetti non dotati di firma elettronica qualificata.

In conformità all’art. 20 del CAD, questa modalità di sottoscrizione soddisfa il requisito della forma scritta e produce gli effetti dell’art. 2702 del codice civile.


Stampa articolo