Home » Rubriche » Le tre fasi del rapporto di lavoro dirigenziale: reclutamento, inserimento nei ruoli e conferimento dell’incarico Gestione del personale

Le tre fasi del rapporto di lavoro dirigenziale: reclutamento, inserimento nei ruoli e conferimento dell’incarico

05/06/2019 | Giuseppe Panassidi |

L’accesso alla qualifica dirigenziale a tempo indeterminato può avvenire solo per pubblici concorsi banditi dalle singole amministrazioni,  corsi-concorsi banditi dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (ora SNA), o pubblici concorsi unici banditi dal Dipartimento della Funzione Pubblica.

Il superamento delle procedure concorsuali consente l’inserimento nei ruoli dirigenziali delle rispettive amministrazioni pubbliche che hanno bandito il concorso, o che hanno dato la propria disponibilità alla Funzione Pubblica per l’espletamento dei corsi-concorsi della SNA oppure dei concorsi unici.

Lo svolgimento effettivo delle funzioni dirigenziali (di livello non generale) viene  successivamente garantito attraverso l’istituto del conferimento degli incarichi.

Lo scorrimento di graduatorie, valide ed efficaci, trova applicazione per le sole procedure reclutamento, ossia per le assunzioni disposte dalla PA, e non per il conferimento di posti dirigenziali funzioni od incarichi.


Contenuto riservato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
o .


Le tre fasi del rapporto di lavoro dirigenziale: reclutamento, inserimento nei ruoli e conferimento dell’incarico ultima modidfica: 2019-06-05T19:22:29+02:00 da Giuseppe Panassidi

© Riproduzione riservata

Stampa articolo