- Moltocomuni - https://www.moltocomuni.it -

Sui vaccini per l’infezione da Covid-194 min read

IN POCHE PAROLE….

I vaccini attualmente disponibili per l’infezione da Covid-19 non sono in fase di sperimentazione

Tar Friuli Venezia Giulia, sez. I, sentenza 10 settembre 2021, n. 261 [1], Pres. Settesoldi, Est. Ricci


La “sperimentazione” dei vaccini si è conclusa con la loro autorizzazione all’immissione in commercio, all’esito di un rigoroso processo di valutazione scientifica e non è corretto affermare che la sperimentazione sia ancora in corso solo perché l’autorizzazione è stata concessa in forma condizionata.

L’equiparazione dei vaccini a “farmaci sperimentali” è frutto di un’interpretazione forzata


A margine

Un medico in regime di libera professione, sospeso dal servizio, ricorre contro il provvedimento di accertamento di elusione dell’obbligo vaccinale da SARS-CoV-2 previsto dall’art. 4, comma 1 del d.l. 44 del 2021 [2] (conv. in l. 76 del 2021), adottato dall’ASL di riferimento ai sensi del comma 6 del medesimo d.l.

Fra i motivi di ricorso, il medico deduce la “Violazione dell’art. 32 co. 2 ultima parte della Costituzione” [3] poiché si tratterebbe di imposizione obbligatoria di un vaccino sperimentale autorizzato in deroga ed in violazione della dignità della persona umana, ridotta a cavia.

Il ricorrente sostiene che i vaccini dovrebbero considerarsi farmaci sperimentali, la cui pericolosità sarebbe attestata dal c.d. “scudo penale” introdotto a beneficio degli operatori somministranti (art. 3 del d.l. 44 del 2021 [2]) e che l’imposizione di un trattamento sanitario sperimentale violerebbe il diritto fondamentale alla salute, di cui all’art. 32 della Costituzione [3], nonché gli artt. 1, 2, 5, 8, 14 della CEDU [4], gli artt. artt. 1, 2, 3, 6, 7, 8, 15, 20, 21, 31, 35 della Carta di Nizza [5], i regolamenti dell’Unione europea 953/2021 [6] (in particolare il considerando n. 36) e 536/2014 [7] (in materia di consenso informato).

La sentenza – Il collegio respinge il ricorso chiarendo che i quattro prodotti ad oggi utilizzati nella campagna vaccinale sono stati invece regolarmente autorizzati dalla Commissione, previa raccomandazione dell’EMA, attraverso la procedura di autorizzazione condizionata (c.d. CMA, Conditional marketing authorisation), disciplinata dall’art. 14-bis del Reg. CE 726/2004 [8] del Parlamento Europeo e del Consiglio e dal Reg. CE 507/2006 [9] della Commissione.

Si tratta di un’autorizzazione che può essere rilasciata anche in assenza di dati clinici completi, “a condizione che i benefici derivanti dalla disponibilità immediata sul mercato del medicinale in questione superino il rischio dovuto al fatto che sono tuttora necessari dati supplementari”.

Il carattere condizionato dell’autorizzazione non incide sui profili di sicurezza del farmaco (dal sito dell’ISS, che richiama a sua volta quello dell’EMA: “una autorizzazione condizionata garantisce che il vaccino approvato soddisfi i rigorosi criteri Ue di sicurezza, efficacia e qualità, e che sia prodotto e controllato in stabilimenti approvati e certificati in linea con gli standard farmaceutici compatibili con una commercializzazione su larga scala”), né comporta che la stessa debba essere considerata un minus dal punto di vista del valore giuridico, ma impone unicamente al titolare di “completare gli studi in corso o a condurre nuovi studi al fine di confermare che il rapporto rischio/beneficio è favorevole”.

La CMA è, peraltro, uno strumento collaudato e utilizzato già diverse volte prima dell’emergenza pandemica, come attesta il report disponibile sul sito istituzionale dell’EMA, relativo ai primi dieci anni di utilizzo della procedura: nel periodo di riferimento – dal 2006 al 2016 – sono state concesse ben 30 autorizzazioni in forma condizionata, nessuna delle quali successivamente ritirata per motivi di sicurezza (https://www.ema.europa.eu/documents/report/conditional-marketing-authorisation-report-ten-years-experience-european-medicines-agency_en.pdf [10]).

Anche in questa forma, l’autorizzazione si colloca a valle delle usuali fasi di sperimentazione clinica che precedono l’immissione in commercio di un qualsiasi farmaco, senza alcun impatto negativo sulla completezza e sulla qualità dell’iter di studio e ricerca. Al contrario, la ricerca del vaccino contro il Covid-19, divenuta una priorità assoluta per tutte le potenze mondiali, ha potuto beneficiare di ingenti risorse umane ed economiche, di procedure valutative rapide e ottimizzate (c.d. rolling review), della partecipazione di un elevatissimo numero di volontari “circa dieci volte superiore a quello di studi analoghi per lo sviluppo di altri vaccini” (si vedano le FAQ dell’Aifa [11], prodotte sub doc. 7 dall’amministrazione).

​​​​​​​​​​​​La “sperimentazione” dei vaccini si è dunque conclusa con la loro autorizzazione all’immissione in commercio, all’esito di un rigoroso processo di valutazione scientifica e non è corretto affermare che la sperimentazione sia ancora in corso solo perché l’autorizzazione è stata concessa in forma condizionata.

L’equiparazione dei vaccini a “farmaci sperimentali”, dunque, è frutto di un’interpretazione forzata e ideologicamente condizionata della normativa europea, che deve recisamente respingersi.