Home » Rubriche » Sull’obbligatorietà o meno dell’accollo da parte di un comune dei debiti non soddisfatti di una propria società in house in liquidazione. Cosa ne pensa la Corte dei Conti

Sull’obbligatorietà o meno dell’accollo da parte di un comune dei debiti non soddisfatti di una propria società in house in liquidazione.

31/12/2013 | Giuseppe Panassidi |

Non sussiste alcun obbligo del Comune di assumere a carico del proprio bilancio i debiti societari rimasti insoddisfatti all’esito della procedura di liquidazione.

Il Comune deve motivare le ragioni di interesse pubblico che giustificano la scelta


Contenuto riservato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli utenti registrati.
o .


Sull’obbligatorietà o meno dell’accollo da parte di un comune dei debiti non soddisfatti di una propria società in house in liquidazione. ultima modidfica: 2013-12-31T17:16:28+02:00 da Giuseppe Panassidi

© Riproduzione riservata

Stampa articolo